La N'drezzata

Video:

La N'drezzata

I danzatori arrivano su due file, guidati dal caporale ed accompagnati, già nella marcia iniziale, dal suono dei due strumenti usati durante la danza: un clarino ed un tamburello a sonagli. Di solito sono in 18 ma possono essere un numero pari che va da 16 a 20 danzatori oltre i due suonatori ed il caporale. I 18 danzatori sono armati di un robusto mazzarello di circa 40 centimetri nella destra e di una spada di legno di circa un metro nella sinistra.
In nove vestono un giubetto rosso scarlatto con fascia di lana verde alla vita, camicia bianca con maniche fermate al polso con lacci verdi, calzoncini bianchi fino al ginocchio con banda verde, calze bianche, sandali di cuoio e berretto napoletano a quaglia colore bianco.
Gli altri nove invece indossano un corpetto color verde, fascia di lana rossa alla vita, camicia bianca con maniche fermate con lacci rossi, calzoncini bianchi fino al ginocchio con banda rossa, calze bianche, sandali di cuoio e berretto napoletano a quaglia di colore rosso.
I danzatori si dispongono su due cerchi gli uni difronte agli altri, durante il movimento rotatorio dei due cerchi i danzatori battono il mazzarello contro la spada del danzatore che hanno difronte.
Tutto ha inizio con un ritornello che fa da preambolo alla danza:

Io vengo da Monte Cupo
per darvi un gran saluto.
Vengo da tarantiello
cu 'na lanza e 'nu spurtiello.
Noi siamo tre fratelli,
tre valenti marenare:
uno se cchiama Jennaro,
pesca triglie e calamare;
n'ato se chiamma Vicienzo
pesca senza licenza;
scusate, signori miei,
mio padre m'ha miso a nomme Pulletrone,
perchè porto sempre 'mmano stu bastone !
'Na sera me trovo passanno pe' stu mare,
veco nu cefalo ca s'appicicava cu nu calamare.
Cu na lanza lu lanzaje,
cu lu cuoppe lu cuppjaie,
e dinto lu vuzzo lu menaje.
Me trovo passanne pe' Santa Lucia,
tutte me diceno: "Oh, che cefalo, 'ncoscienza mia !"
'U gabellotto rummanette 'ncatato:
"Comme ! Stu cefalo accussí gruosso é piscato" ?!
Veco nu calabrese
da tantu luntano,
cu quattro rane 'mmano
vuleva fa 'a spesa.
Scusate, signori miei,
io cu quattro rane ce pozzo passà ?
Nossignore ! (risposta del coro)
Me vene 'a bile p'a testa,
metto mano int'a sacca,
caccio 'u curtiello
e dongo 'na botta a stu cappiello.
O cielo m'ha ajutato,
'u cappiello nun s'é sfunnato.
Alice !
Alice !
chist'uocchie tuoie so' doje curnice.
Si saglie 'ncoppa, mammeta che ne dice ?
Saglie ca si 'o patrone d''a casa ! (risposta del coro)
Io, pe' te fa vedé ca songo nu valente marenare
dongo 'u divertimento a sti signure e me ne vaco !
A faccia fora ! (è il comando che dà inizio alla danza)

Trallalera, trallalera
tirirà, llirà, llallera.
Trallalera, trallalera
tirirà, llirirà, llallera.
E tirà, lirà, llallera
trariarill, arillalà.
Trallera, trallera etc...

Tu vire comme sfila
stu vuzze 'ncopp'a ll'acqua.
Oinè, che t'aggiu fatte
ca nun ce vulimmo cchiù
ca nun ce vulimmo cchiù !

La lana che ne faje
la freva te fa venire
'nu matarazzo 'e stoppa
cchiù frisco te fa stà
cchiù frisco te fa stà

Ntunino 'e Nabbulione
s'a fatto lu ddagone,
s'a fatto lu ddaghino,
Ntunino 'e Giacumino
Ntunino 'e Giacumino ...

Una, ddoie e treia...
quatto, cinche, seie, sette, e otto ...

Nun saccio che vurrisse
nu liette de viole
ma mo n'è tiempe ancora
e cuntentate pe' me...
e cuntentate pe' me...
E mastu Raffaele
era 'nu capo fumatore,
pe' s'appiccià 'na pippa
ce metteva cchiù de n'ora...
ce metteva cchiù de n'ora
E llà llà llà
sempe chesto saie fà,
si' mastu Raffaele
e nun te 'ncarricà !
e nun te 'ncarricà !
Sfacciata petintosa
ce lo dico io a mammeta,
sfacciata petintosa
ce lo dico io a mammeta...
e cu n'ata vernia 'e sposa
e zincariello e lariolà ...
Sta povera vecchiarella
tu vide comm'é ridutte
e sotto 'a llaria strutte
nun pò cchiù cumparé,
nun pò cchiù cumparé,
Quanno me cocco 'a sera
m'bracce a stu cuscine
e quann'è 'a matine
sempe penzanno a te,
sempe penzanno a te ...

Muglierema che m'è morta
era nu piezzo 'e femmenona,
teneva 'e coscie storte
s'é vuleva addirizzà,
s'é vuleva addirizzà...

Pititum, tindum, tindera
apitindum e apitindera
ndandà, ndandà, ndandera
ndandà, ndandà, ndandera
aritreia, aritré

Annita, fate presto
raccogli la mappata,
e bisogna di partì
e bisogna di partì.

'U treia, 'u treia, 'u treia,
'u treia, 'u treia, 'u treia...
'U treia, 'u treia, 'u treia,
'u treia, 'u treia, 'u treia...

Vira ! (il comando che fa invertire il senso rotatorio)

Muglierema che m'è morta
era nu piezzo 'e femmenona,
teneva 'e coscie storte
s'é vuleva addirizzà,

Purtualle lisce e mosce
'e lummecielle pè scirià
si a' moneche jesce e trase
acquasanta piglia 'e vasa

Figlia mia fà orazione
e peccate nun ne fa.
Si avesse nu buone vaglione
già facesse orazzione.

Figlia mia fa penitenza
e peccate nun ne fa.
Padre mio, so fiacche 'e sense
e penitenza nun ne pozza fa.

Si t'assiette a 'o scannitielle
ce schiamme 'u librecielle
Uva e bà, uva e bà
zi 'maste mio, che t'aggia 'fa?

Si venive l'anno passate
teneva stipata 'na scartellata.
Che puozza essere scannate
juste p'e me 'a tenive stipata.

'U treia, 'u treia, 'u treia,
'u treia, 'u treia, 'u treia...

Alt ! (tutti mazzarello e spada in alto)


ischia info

Portale telematico no-profit per la Promozione del Turismo sull'Isola d'Ischia con la finalità di promuovere la conoscenza dei luoghi, delle attrattive e dei servizi correlati al Turismo di Ischia.


© 2018  ischia.pt 
Ischia